Antifurto CasaSicurezza? Le 10 regole da seguire per il tuo antifurto  casa in linea con le ultime tecnologie disponibili sul mercato.

Quali sono i requisiti indispensabili per avere un antifurto efficente e sicuro?

 

 

 

1) Semplicità di utilizzo

Un buon Antifurto Casa deve essere di semplice utilizzo, in quanto l’utente finale dovrà capirne in breve tempo le dinamiche di funzionamento, di inserimento e disinserimento anche in via remota, un utilizzo semplice fa sì che tutti i componenti che vi accederanno potranno a loro volta comprenderne il funzionamento ed accedere a tutte le sue funzioni in maniera semplice e dinamica.
La semplicità di utilizzo, è una delle caratteristiche base di un buon antifurto, ed è uno degli aspetti su cui si basa il paragone con altri sistemi di allarme più complicati e di difficile comprensione.

2) Scelta Componenti in base alle necessità

La scelta dei componenti è un punto cruciale per determinare un buon impianto di Antifurto Casa, esistono per esempio dei kit Antifurto Casa già completi, ma la maggior parte delle volte non corrispondono alle esigenze dell’utente finale, questo crea delle problematiche di adattamento e di compatibilità dei componenti aggiuntivi nonché un aumento considerevole del prezzo.
Per scegliere l’impianto ottimale senza incorrere in componenti che potrebbero non servirci e quindi essere d’avanzo, oppure avere componenti mancanti per rendere l’impianto sicuro è utile effettuare un sopralluogo per determinare esattamente di cosa abbiamo bisogno, senza incorrere negli inconvenienti citati sopra.

3) Sopralluogo per determinare il tipo d’impianto

Come già spiegato nel paragrafo precedente per non incorrere in “errori di materiali” conseguentemente ad un “aumento considerevole del prezzo” è necessario effettuare un sopralluogo dell’area da proteggere. Il sopralluogo è necessario in quanto la scelta del tipo di impianto, la scelta dei componenti, è il modo in cui verrà protetta la vostra area, verrà determinato da questo.
Il Sopralluogo serve inoltre per schematizzare il tipo di lavorazione necessaria per evitare problematiche nel montaggio del sistema di protezione, la scelta dei materiali che andranno a comporre il nostro sistema di allarme ed infine ultimo ma non meno importante grazie ad un’accurata selezione di questi componenti – materiali – lavorazioni, sarà possibile stimare un prezzo finito, in modo che l’utilizzatore finale non incorra in brutte sorprese a fine lavori.

4) Componentistica di qualità

Scegliere dei componenti di qualità è un passo importante per il nostro Antifurto Casa.
Acquistare componenti di bassa qualità non solo riduce i costi ma riduce anche la funzionalità e l’affidabilità del nostro sistema di protezione nel tempo.
Ci sono anche delle cause correlate che potrebbero ridurre l’efficienza di risposta del nostro Antifurto Casa, come ad esempio gli sbalzi termici potrebbero inibire i vari sensori e di conseguenza non rilevare presenze o intrusioni, potrebbero essere troppo sensibili all’umidità presente in una abitazione quindi dare falsi allarmi o creare condensa all’interno dello stesso e non percepire in maniera ottimale qualsiasi interruzione del raggio d’azione.
I componenti di alta qualità escludono questi problemi in quanto sono a tenuta stagna, questo fenomeno si riduce considerevolmente, facendo sì che la durata negli anni e la nostra sicurezza non vengano messe a repentaglio.
Inoltre un componente di bassa qualità andrà sostituito molto prima di uno di qualità superiore aumentando nel tempo di fatto la spesa del nostro sistema di sicurezza.

 

5) Falsi allarmi ridotti all’1%

Altro punto importante per aver un buon Antifurto Casa è quello di informarsi bene sul falso allarme, oltre alla scelta dei componenti, un sistema di Antifurto Casa procura dei falsi allarmi che potrebbero minare la nostra tranquillità, acquistare un antifurto di qualità riduce all’1% questa evenienza.

6) Elevato standard di sicurezza

Tutti i sistemi di allarme vengono classificati in base alla sicurezza che riescono a fornire, noi dovremmo nella nostra scelta sempre cercare di avvicinarci il più possibile alla vetta di questa classifica, in maniera tale che la nostra sicurezza sia sempre al meglio.
Uscire di casa sereni senza preoccuparsi di eventuali malfunzionamenti dell’impianto di allarme è un fattore determinante per un buon Antifurto Casa.
A volte capita che in alcuni sistemi di allarme ci sia sempre quel sensore che ogni tanto non viene rilevato o ha una risposta lenta rispetto agli altri, questo è il fattore determinante per la nostra tranquillità fuori dall’abitazione, la nostra mente sarà sempre lì a pensare ad un eventuale malfunzionamento, quindi avere già una piccola falla nell’impianto di allarme non fa altro che alimentare delle ansie inutili, quindi cosa dobbiamo fare?
Dobbiamo essere sicuri di acquistare un impianto che sia di classificazione alta in modo da escludere eventuali falle o problemi legati ad esse.

7) Registrazione anomalie sull’impianto

Un impianto di Antifurto Casa che si rispetti fornisce delle indicazioni di funzionamento all’utente, ovvero chi ha effettuato l’accesso in base al codice chi ha fatto delle modifiche o spostato delle sezioni che tipo di protezione è attiva in quel momento, quando finisce la notturna e quando inizia la diurna etc. insomma in base a ciò che fa crea una lista degli spostamenti effettuati, in mezzo a tutto questo crea anche una lista delle anomalie che registra.
La registrazione delle anomalie ci fa capire cosa non sta funzionando come dovrebbe, e di conseguenza ci aiuta a correre ai ripari nel minor tempo possibile.

8) Comunicazione remota da telefono

Il nostro sistema di allarme per essere ottimale deve includere il modulo GSM, ovvero la classica scheda telefonica dei cellulari in maniera che possa chiamare i numeri impostati per le emergenze.
Nel caso si attivasse l’Antifurto Casa, la centrale provvederà immediatamente a chiamare il numero di emergenza cosicché l’utente riceverà la telefonata registrata che il suo antifurto si è attivato.
Cosa possiamo fare se inizia a suonare e siamo fuori casa?
Possiamo innanzitutto chiamare qualcuno che vada a controllare che effettivamente ci sia un malintenzionato, inoltre se sappiamo che quel giorno qualcuno doveva entrare in casa ma si è scordato di disattivarlo lo possiamo fare noi da remoto seguendo le istruzioni della voce registrata della centrale che ci dirà quali tasti premere per tacitare la sirena e reinserire il programma che più ci serve in quel momento.

9) App dedicata

Un’altra funzione del nostro sistema di allarme è app dedicata, ovvero un’applicazione che tramite Smartphone o Tablet interagisce via remota con la centrale del nostro e ci fornisce tutti i parametri dell’Antifurto Casa in maniera che possiamo ovunque ci troviamo modificare le impostazioni in vigore con quelle che ci fanno più comodo e soprattutto tenere sempre sotto osservazione la funzionalità in breve è come essere davanti alla centrale ma comodamente lontani da casa!

10) Assistenza post – installazione

Uno dei punti cardine di un buon sistema di protezione è l’Assistenza post installazione, deve obbligatoriamente esserci, se capitasse un malfunzionamento al sistema di Antifurto Casa non attribuibile all’utente, l’installatore dovrà intervenire in garanzia per rimediare al problema, oppure la casa da cui è stato acquistato dovrà provvedere senza costi a sostituire la parte danneggiata.

 

 

Salva

Salva

Salva

Save

Save

Save

Save

Save

Save